Ricetta di asparagi selvatici sott’olio

Ricetta di Asparagi selvatici sott’olio
Ricetta di Asparagi selvatici sott’olio

Una tradizionale conserva della nonna meridionale del centro sud Italia è la ricetta di asparagi selvatici sott’olio una vecchia ed antichissima conservazione che permette di gustare questa specialità fino a 2 o 3 anni seguenti. Questo ortaggio cresce spontaneamente in tutto il territorio montagnoso ed è una pianta erbacea perenne. In Gargano la nonna usava creare per il pranzo una gustosa crema di asparago realizzando piatti tipici da condire la pasta fresca tipo orecchiette, cavatelli, tagliatelle, troccoli, riso oppure, una buona frittata per cena. Dalla cucina contadina e dai suggerimenti e consigli della nonna massaia, oggi proponiamo la ricetta di asparagi selvatici sott’olio una confettura genuina e naturale fatto in casa.

Ingredienti: Asparagi selvatici, Aceto, olio Evo

Descrizione, preparazione, realizzazione ed esatto procedimento di come fare la ricetta di asparagi selvatici in conserva sott’olio da gustare come contorno, antipasto oppure per farcire un bel panino nostrano. Raccogliere o acquistare gli asparagi facendo attenzione che siano freschi. Sciacquare sotto acqua fredda e lasciare asciugare avvolgendo con uno strofinaccio da cucina. Versare in una pentola l’aceto, aggiungere gli asparagi selvatici, accendere il fuoco a fiamma media e lasciare cuocere. Fare attenzione che gli asparagi siano coperti di aceto. Appena l’aceto comincia a bollire spegnere la fiamma e scolare in uno scolapasta gli asparagi. Lasciare raffreddare e, quando sono ben freddi, immergere in un barattolo di vetro, ben sterilizzato prima, aggiungere l’olio di oliva e chiudere ermeticamente. Conservare in luogo fresco e buio. La vostra genuina specialità di asparagi selvatici sott’olio, comunemente conosciuta anche come asparagi sott’aceto, è pronta da gustare e servire in tavola come antipasto, contorno di carne o pesce, oppure per farcire un ottimo panino di pane nostrano. La ricetta tipica di asparagi sott’olio è una confettura ricca di antichi sapori tramandata dai nostri avi e dalla loro cultura culinaria tradizionale, genuina e casareccia un vanto della gastronomia antica italiana dal profumo di sole e natura.

Precedente Frittata di cima di rapa selvatica o cimamarella Successivo Uomo antico e moderno