Marmellata di prugne selvatiche ricetta della nonna

Marmellata di prugne selvatiche ricetta della nonna
Marmellata di prugne selvatiche ricetta della nonna

Marmellata di prugne selvatiche ricetta della nonna è una semplicissima ricetta tramandata dall’arte culinaria dei nostri avi. Le prugne selvatiche fioriscono da una pianta naturale, denominata Prugnolo, e cresce nelle zone incolte e boschive. Con il tempo, la prugna selvatica (Prunus spinosa) è andata dimenticata eppure il Prugnolo si adatta bene a qualsiasi terreno o clima e viene usato soprattutto nel campo erboristico, alimentare e farmaceutico. Le prugne selvatiche vantano di proprietà antibatteriche e astringenti mentre, stando a ciò che afferma un recente studio  di questa pianta, le bacche sembrerebbero svolgere, in concomitanza con altre sostanze, un’importante attività anti-tumorale. I nostri boschi sono ricchi di prugnolo ed oggi, desidero indicare come dalle prugne selvatiche si può ottenere un’ottima marmellata ricca di consigli della nonna.

Ingredienti:

1 chilo prugne selvatiche

5e1/2 bicchieri di zucchero

Durata:

20 minuti preparazione

20 minuti cottura

Spreco:

nessuno

Ponete le prugne selvatiche in una bacinella, piena di acqua fredda, e lavatele  accuratamente. Toglietele dall’acqua e lasciate scolare per circa 3 minuti, dopodiché allargatele su uno strofinaccio per asciugarle bene. Versate le prugne asciutte in una bacinella e, con le dita, dividete i semi interni dalla polpa. Quando avrete finito di sgusciale, versate le polpe delle prugne selvatiche in un tegame e lasciatele cuocere per circa 3-4 minuti a fuoco lento. Mentre il tutto comincia a riscaldare versate lo zucchero e mescolate man mano con un cucchiaio di legno. Dopo una decina di minuti vedrete che il composto si amalga restringendosi. Dopo 20 minuti sarà conforme e ben denso quindi, spegnete il fuoco e versate la marmellata di prugne selvatiche  in vasetti di vetro ben sterilizzati prima. Chiudete ermeticamente e lasciate raffreddare i vasetti pieni di marmellata a testa in giù. Quando si raffredda conservate i vasetti di in luogo fresco e buio. Con la ricetta della nonna, le vostre confetture di marmellata di prugne selvatiche, si presentano ottimamente per colazioni e preparazioni di dolci e non bisognano di conservanti. Marmellata di prugne selvatiche ricetta della nonna

ricetta antica
Marmellata di prugne selvatiche ricetta della nonna
Precedente Il pane fatto in casa ricetta antica Successivo Marmellata di mele ricetta senza conservanti