Frittata di cima di rapa selvatica o cimamarella

Frittata di cima di rapa selvatica o cimamarella

Frittata di cima di rapa selvatica o cimamarella

La frittata di cima di rapa selvatica è una ricetta tipica garganica realizzata con una pianta che cresce spontanea su tutto il territorio del Gargano. Quest’ erba viene solitamente chiamata Brassica rapa, Cavolo rapa,  colza selvatica, cimamarella oppure in dialetto cimamared. Lo stelo dell’erba è duro, la cima come un broccoletto ed ha un gusto dolce e meno amarognolo della classica rapa. I nostri nonni amavano cucinare la cima di rapa selvatica con la pasta oppure stufate, lessate e fare conserve. La frittata di cima di rapa selvatica, piatto tipico della cucina tradizionale del Gargano, è una gustosa pietanza da proporre come cena, antipasto o secondo piatto accompagnato da formaggi o latticini. Spesso i nostri antenati durante la passeggiata pomeridiana raccoglievano le cime di rapa selvatica per servirla in tavola il giorno dopo come pranzo unendo questo ortaggio alla pasta fresca fatta in casa tipo le orecchiette, cavatelli, strascinati ma anche con gnocchi di patata. Dal gusto e sapori tradizionali oggi vi indicheremo come realizzare una buona frittata di cima di rapa selvatica a costo zero ed esattamente come lo facevano le nostre nonne massaie:

Ingredienti per la frittata di cima di rapa selvatica 4 persone: broccoletti di rapa a quantità, 4 uova, 3 cucciai di formaggio, possibilmente pecorino, pane grattugiato o mollica, pizzico di sale, 2 cucchiai da cucina di olio EVO.

Descrizione, preparazione, realizzazione ed esatta spiegazione come fare la frittata di cima di rapa con la ricetta, suggerimenti e consigli naturali della nonna casalinga: di questa erba raccogliere solo le cime, lavare e lasciare scolare, porre in un tegame cosparso di olio di oliva facendo soffriggere per circa 10 minuti a fuoco lento. Nel frattempo versare in un piatto fondo le uova e cominciare a mescolare, aggiungere il formaggio, pangrattato, pizzico di sale e mescolare bene tutto. Lasciare riposare la pastella per pochi minuti. Appena le cimamarelle di rapa selvatica sono cotte versare la verdura, facendo attenzione di togliere solo l’ortaggio e lasciando l’olio in padella, alle uova amalgamate. Posare la padella nuovamente sul fuoco e lasciare riscaldare l’olio e mescolare i broccoletti con il preparato di uovo. Quando l’olio è caldo versare la pastella in padella e, appena un lato presenta il colore dorato girare la frittata dalla parte opposta. La vostra genuina frittata di cima di rapa selvatica è pronta da servire in tavola come pranzo o cena, una specialità dei nostri avi ricchi di cultura culinaria, sapori tradizionali, con la ricetta genuina e casareccia della gastronomia antica italiana. Buon appetito in salute e benessere con la natura !!!

I commenti sono chiusi.