Conservare asparagi freschi senza frigorifero

Conservare asparagi freschi senza frigorifero
Conservare asparagi freschi senza frigorifero

Senza cibo ed acqua l’uomo e tutti gli esseri viventi della terra non possono vivere. Questo principio lo conoscevano benissimo i nostri antenati che, senza tecnologie, avevano studiato, inventato e creato meccanismi di conservazione di ortaggi e verdure sempre freschi con tecniche da noi uomini moderni totalmente dimenticati. In cucina spesso non prendiamo in considerazione modi e metodi elementari eppure di vitale importanza alimentare per la salute e benessere del nostro organismo. Oggi mostriamo come conservare asparagi freschi senza bisogno di congelare, fare confetture o conserve di diverso tipo, con lo stupore ad avere questo ortaggio sempre verde e croccante fino a 7 giorni dopo la raccolta. Questa ricetta è un metodo semplice, genuina e tradizionale tramandata dai nostri avi contadini intenti a non buttare via nulla del frutto del proprio lavoro. Ma come conservare asparagi freschi oppure altri tipi di ortaggi e verdure in casa senza l’uso del frigorifero o congelatore? Semplicemente seguendo le orme culinarie dei nostri avi progrediti a tramandare una sana cultura gastronomica. Proseguiamo con la descrizione, preparazione, realizzazione ed esatta spiegazione come conservare gli asparagi freschi selvatici al naturale con il metodo antico della nonna massaia: quando raccogliete o comprate gli asparagi spesso non li usate tutti e magari vi capita di lasciarli da parte e trovarli appassiti, anche in frigorifero, dopo pochi giorni perdendo il bel colore verde e la fragranza di freschezza. Come fare a conservare asparagi freschi? Inumidire un panno o strofinaccio da cucina con acqua fresca ed avvolgere intorno agli asparagi. Fare attenzione che lo strofinaccio bagnato copri bene anche le cime ed il fondo. Porre il fagottino contenente gli asparagi selvatici o di coltivazione in un luogo buio e fresco con attenzione a non lasciare asciugare il panno avvolgente. La conservazione di asparagi selvatici con il metodo antico vi lascerà sbigottite quando aprirete il panno perché la vostra verdura sarà ancora fresca, profumata ricca di aroma da poter cucinare e gustare a vostro gradimento come contorno a specialità di carne o pesce, condimento per pasta, primo piatto oppure a frittata per farcire un buon panino pugliese. Una conservazione ricca di antica cultura culinaria persa col tempo eppure è la base della cucina e gastronomia italiana.

Precedente Lampascioni stufati ricetta pugliese Successivo Asparagi in salamoia