Conserva di carciofi sott’olio alla pugliese

Conserva di carciofi sott’olio alla pugliese
Conserva di carciofi sott’olio alla pugliese

La ricetta della conserva di carciofi sott’olio è una della più antiche e tradizionali specialità della nonna contadina pugliese le cui tecniche e modi di conservazione sono ancora tutt’oggi al naturale e senza conservanti, semplificate dall’arte culinaria dei nostri avi per una buona cucina casareccia o dieta italiana e mediterranea vedendo il cuore di carciofo l’ingrediente primario cotto in aceto con un po’ di sale ed immerso nell’olio di oliva rendendo il sapore e gusto della confettura genuino ed invariato dopo parecchi mesi dalla preparazione. L’unico accorgimento su come fare un’ottima conserva di carciofi sott’olio è seguire attentamente il consiglio e metodo imbattibile della nonna, lasciando la confettura in un luogo buio e fresco per tutto il tempo, prelevando man mano dal vasetto di vetro i carciofi che si desidera consumare e gustare durante i pasti nei mesi successivi la preparazione dell’ortaggio come antipasto o accompagnando pietanze a base di carne o pesce, primo o secondo piatto per pranzo o cena oppure usarli per farcire un buon panino casareccio.

Ingredienti per la realizzazione della conserva di carciofi sott’olio: carciofi quanti desiderati, aceto di vino, olio evo, pizzico di sale, spicchio di aglio.

Descrizione, preparazione, realizzazione, esatta spiegazione e procedimento di come fare la conserva di carciofi sott’olio con la ricetta della nonna fai da te in casa e passione per la buona cucina casareccia italiana ricca di buongusto e cultura culinaria tradizionale tratto dal ricettario degli avi, una confettura da gustare e servire a tavola come la buona cuoca e nonna contadina italiana lo propone e cioè come antipasto, contorno al secondo piatto a base di carne o pesce per pranzo o cena oppure per farcire un buon panino fresco nostrano: cominciare a pulire i carciofi eliminando i gambi, le punte spinose, le foglie dure attorno al cuore del carciofo ed immergere i cuori della verdura in una pentola ricoprendoli abbondantemente di aceto con un po’ di sale. Lasciare cuocere e appena cominciano a bollire lasciare cucinare per 3 minuti. Togliere dal fuoco, scolare, fare raffreddare, porre in un vasetto di vetro ben sterilizzato prima, aggiungere lo spicchio di aglio, ricoprire di olio di oliva, chiudere il contenitore di vetro  e conservare la vostra conserva di carciofi sott’olio in luogo buio e fresco per tutta la durata di conservazione fino a finitura servendo i carciofi in aceto ed olio a tavola come gustosa pietanza di antipasto o contorno al secondo piatto per pranzo o cena oppure per farcire un ottimo panino nostrano.

Precedente Carciofi impanati e fritti alla pugliese Successivo Pasta fresca all’uovo fatta in casa